Memorial Barbieri

15° MEMORIAL REMO BARBIERI

Si svolgerà dal 5 Maggio al 16 Giugno 2018 la quindicesima edizione del Memorial Remo Barbieri, riservato quest’anno alla categoria Giovanissimi B (2004).

Le partite si disputeranno al Campo Sportivo Romagnoli B, in Via della Torre, 27. Tel. 055 605755, e-mail: asdsancatcalcio@gmail.com.

Questo il ricordo di Remo Barbieri di Don Luciano Genovese :

– Dare il nome ad un evento significa ricordare qualcuno , nel caso del torneo Barbieri c’è qualcosa in più che un ricordo e per capirlo è necessario menzionare un aneddoto successo qualche anno fa quando chiesero a Nicola Mancini, allora presidente della Sancat, chi era Remo Barbieri. La risposta fu: “ Io sono il presidente , Remo è la Sancat!!”. Infatti Remo , finchè ha vissuto, è stato la Sancat . Ne è stato il fondatore , insieme ad altri, ma soprattutto ha contribuito a farla diventare quella splendida realtà che è oggi. Remo aveva una particolare predilezione per il calcio , che curava in prima persona allenando varie squadre e in particolare si dedicava ai bambini insegnando loro non solo “le regole del Calcio” ma soprattutto “le regole dello Sport e del Rispetto “ che lui sintetizzava così:
1) si gioca per vincere ma se si perde ……nessun problema soprattutto se ci siamo divertiti
2) i calci si danno al pallone e non…… agli avversari
3) giocano tutti !!! Anche se non sono campioni
4) l’avversario è uno che gioca come te e va rispettato sempre
5) i bambini non si “vendono” e non si “acquistano”

Regole semplici che ancora oggi sono di grande attualità e che suonano di grande insegnamento per tutti coloro che si occupano di sport.
Ma Remo Barbieri non era solo un allenatore era soprattutto “il nonno” , “ il fratello più grande”, “ l’amico” con cui tutte le discussioni, anche le più animate, si concludevano con una grossa risata e con un abbraccio.
Il Torneo “Remo Barbieri” si pone come obiettivo ricordare non solo l’uomo ma anche i suoi insegnamenti, la sua allegria, la sua disponibilità , la sua sportività e il rispetto verso gli altri con la certezza che da lassù continuerà sorridere e incitare i suoi ragazzi.

Don Luciano Genovese